La nostra presenza in rete: come iniziare

devices

La nostra presenza in rete: come iniziare. In realtà prima di iniziare bisognerebbe pianificare. Ma è anche vero che l’uso di un CMS ci permette una estrema libertà. E che noi useremo un CMS ormai non ci sono più dubbi.
I contenuti sono separati dalla struttura. Quindi occupiamoci di pianificare i contenuti: ovvero quali sezioni, quali informazioni, quali immagini vorremmo pubblicare.

Consideriamo anche di aggiornare i contenuti ogni tanto, cioè pubblichiamo i contenuti poco alla volta e non tutti insieme. Troviamo il pretesto per segnalare periodicamente le novità sugli altri social network che utilizziamo, in modo da costruire una sinergia tra media, una strategia comunicativa.
Dobbiamo tenere viva l’attenzione e far capire che ci stiamo lavorando. Lasciare un sito fermo per mesi non ha senso. Dice ai potenziali clienti che il nostro lavoro è fermo, fa nascere dubbi sulla nostra affidabilità.
Riflettiamo poi su quali funzioni ci potranno servire: da una mappa interattiva per far si che i clienti ci raggiungano a un modulo di registrazione per ricevere la nostra newsletter, da una funzione di carrello acquisti alla possibilità di registrarsi e accedere a un’area riservata. Qualsiasi necessità possiamo avere stiamo sicuri che altri prima di noi l’hanno avuta. Quindi troveremo all’interno della community del CMS qualcuno che ha sviluppato una soluzione.

Questi aspetti non rientrano nei contenuti veri e propri, sono pertinenti con la struttura del nostro sito. Possiamo iniziare a costruire il nostro sito comunque e demandare a un momento successivo questi aspetti. Intanto facciamo un sito vetrina.
La modularità dei CMS ci consente di implementare funzioni quando ci serviranno, quando saremo pronti, quando avremo valutato diverse soluzioni e ci saremo chiariti le idee. Sicuramente ci troveremo a dover valutare tra soluzioni differenti allo stesso problema. A quel punto scegliamo la soluzione più utilizzata, quella più aggiornata.

Due cose invece le consiglio da subito: scegliere il template giusto e creare sinergia con gli altri social network.

Scegliete un template responsive veramente fluido e mobile friendly . Fate diverse prove si lettura del vostro sito su diversi dispositivi, con diversi browser. Non potete pretendere che il pubblico si adatti a voi. Siete voi che gli dovete andare incontro. Le pagine si devono completamente riconfigurare, da orizzontali a verticali. I menù si devono comprimere. E non si deve pensare che tanto basta ingrandire o ruotare il telefono.
Oggigiorno non si possono più accettare quei siti che su telefono sono esattamente come su desktop. Che ti obbligano a zoomare continuamente sulle pagine col pericolo di cliccare accidentalmente da qualche parte.
Magari siti di istituzioni, che sarebbero obbligati alla piena accessibilità. Se ne potrebbe fare una lunga lista. Errori di scelta che possono essere evitati con un click. anche da parte di chi queste cose le dovrebbe promuovere… e che quindi lo fa solo in teoria.

L’altro aspetto lo abbiamo già citato: se ogni volta che aggiorniamo il nostro sito lo facciamo sapere sui social si crea sinergia. Ma anche sul nostro sito dobbiamo mettere i pulsanti per il “mi piace” per la condivisione, per raggiungere facilmente tutti quei canali dove siamo presenti.
Troppo lavoro? Bhe, allora lasciate perdere. Oppure trovate chi lo faccia per voi. Chi o cosa: perché esistono diverse “ricette” -realizzatecon la logica condizionale- che permettono di costruire semplici funzioni del tipo “se X allora Y”. Ad esempio: “se pubblico una foto su X allora viene pubblicata anche su Y”. Questo è solo un esempio banale ma se cercate IFTTT su google scoprirete un mondo.

Buona esplorazione.

Salva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*